PROCESSO PER MALTRATTAMENTI A MARIA DI TRAPANI

LA CORTE DI APPELLO DI PALERMO CON SENTENZA DEL 13.10.2020, HA ASSOLTO GLI IMPUTATI ALBERTO LIPARI E ROSALBA PLATANO, DIFESI DALL’AVV. GIUSEPPE NICOTERA, PERCHE IL FATTO NON SUSSISTE

Il processo di maltrattamenti alla web star Maria di Trapani ha raggiunto nel 2017 la ribalta delle cronache nazionali quando, sugli schermi di Pomeriggio 5, in diretta da Barbara D’Urso nonché su Italia 1 alla trasmissione “Le Iene”, Maria Caruso, conosciuta con lo pseudonimo Maria di Trapani, denunciava i suoi manager Alberto Lipari e Rosalba Platano di pesanti maltrattamenti.

CLICCA SULL’IMMAGINE PER FARE PARTIRE IL VIDEO

Le accuse rivolte erano gravemente diffamanti e lesive dell’immagine pubblica e privata degli imputati, allorché accusati, in concorso tra loro, di aver convinto Maria di Trapani a seguirli in giro per i locali della Sicilia, per fare serate di promozione con la falsa promessa di guadagni e popolarità, approfittando anche delle sue condizioni di deficit cognitivo, tenendola reclusa e costringendola ad espletare i propri bisogni in una pentola, mal nutrita e privata dei presidi igienici più elementari, fatta oggetto di dileggio e derisione, quotidianamente percossa dai figli della Platano e costretta a mangiare pasta con i vermi”.

Stranamuri Sicilianu – L’intervista con più di 2 milioni di visualizzazioni che ha decretato la popolarità sul web di Maria di Trapani.

Nel giudizio di appello, gli imputati si sono affidati alla difesa dell’Avv. Giuseppe Nicotera che è riuscito a provare l’innocenza dei propri assistiti ribaltando la decisione del Tribunale di Marsala che in primo grado li aveva ritenuti colpevoli e condannati alla pena di anni 2 di reclusione ed € 40.000,00 di risarcimento danni.

LEGGI ANCHE  WHATSAPP E REATI CONNESSI AL SUO UTILIZZO

Nel grado di appello, anche attraverso la rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale, la Corte sez. IV Penale, ha assolto con formula piena gli imputati perché il fatto non sussiste, riconoscendo la loro totale estraneità alle contestazioni mosse, ritenute inverosimili e non confacenti con i fatti emersi nel corso dell’istruttoria.

CLICCA SULL’IMMAGINE PER FARE PARTIRE IL VIDEO

Lascia un commento